Modalità di configurazione della libreria allegati

È possibile aggiungere tipi diversi di allegati alle varie entità di CA SDM. Ad esempio, un cliente può associare la snapshot di un errore all'Incidente. L'utente amministratore configura la libreria degli allegati dalla quale gli utenti possono caricare o scaricare allegati.
casm173
HID_SetupAttachmentsLibrary
È possibile aggiungere tipi diversi di allegati alle varie entità di CA SDM. Ad esempio, un cliente può associare la snapshot di un errore all'Incidente. L'utente amministratore configura la libreria degli allegati dalla quale gli utenti possono caricare o scaricare allegati.
È possibile classificare gli allegati nel modo seguente:
  • Archiviato
    : il server Web utilizza il protocollo HTTP per caricare e memorizzare gli allegati archiviati in un repository. Quando un analista esamina un allegato archiviato, il file viene recuperato dal repository e visualizzato localmente. L'utilizzo di un server Web per la memorizzazione dei file consente l'archiviazione e il recupero dall'interfaccia utente.
  • Collegato
    : nel database viene memorizzato solo un collegamento al file.
Il diagramma seguente mostra come configurare una libreria di allegati:
Modalità di configurazione della libreria allegati
How to Set up the Attachments Library
Attenersi alla seguente procedura:
Apertura dell'interfaccia utente Web di CA SDM
Accedere all'interfaccia utente Web dai seguenti server, a seconda della configurazione di CA SDM:
  • Convenzionale: server primario o secondario
  • Disponibilità avanzata: server applicazioni o in background
Scelta del repository
Gli allegati vengono archiviati in repository ed è necessario configurare i repository prima che gli utenti possano lavorare con gli allegati. È possibile aggiungere quanti repository si desiderano per rispondere al meglio alle esigenze della propria organizzazione. Ad esempio, è possibile aggiungere repository separati per memorizzare le immagini e i file allegati. Inoltre, è possibile aggiungere le cartelle ai repository per organizzare ulteriormente i file, quindi caricarli nelle posizioni corrette.
Tutte le interfacce client possono accedere ai repository esistenti per caricare e scaricare gli allegati di file, tranne che nei seguenti casi:
  • I repository di file condivisi sono accessibili solo se il daemon dei repository è in esecuzione su un computer in grado di accedere ai file condivisi. Il nome server nel record repository (modulo dei dettagli) deve corrispondere a un computer Windows che ha accesso ai file condivisi. È necessario che su tale computer sia in esecuzione anche un daemon del repository di CA SDM.
  • Il download dei file zip dipende da quando sono stati caricati. Gli allegati creati in versioni precedenti vengono scaricati senza eseguirne la decompressione. Decomprimere il file sul computer client. Altrimenti, gli allegati caricati da un'interfaccia client vengono anche scaricati senza essere decompressi. Quindi, il server decomprime il file prima di restituirlo, durante una richiesta di download del client.
L'architettura distribuita consente a un sito di configurare i propri repository secondo le esigenze del caso. Il servlet di un repository non deve trovarsi sullo stesso server dei file allegati. È possibile scegliere per i siti un servlet centrale per l'accesso ai repository distribuiti oppure un servlet dedicato per ognuno dei server di repository.
Prendere in considerazione le seguenti configurazioni dei repository:
  • Server di repository su un server protetto di CA SDM
    : per i siti che specificano un server di repository su un server protetto di CA SDM con firewall non è necessario esporre il servlet su tale computer. Possono piuttosto specificare un servlet in esecuzione su un altro server di CA SDM o su un server di CA SDM senza limitazioni ed eseguire operazioni di caricamento e download su tale repository. A seconda della rete tra il server repository e il server servlet, può verificarsi qualche impatto sulle prestazioni durante il caricamento e il download. Un metodo valido per configurare un repository remoto è quello di installare e configurare un altro server insieme al repository sul server remoto e impostare il percorso di caricamento su un percorso locale. Per ulteriori informazioni, consultare l'argomento Configurazione di un repository su un computer remoto.
  • Servlet sullo stesso server del server del repository
    : questa configurazione è ideale per i siti che desiderano prestazioni ottimali per il caricamento e il download degli allegati, nel caso in cui le prestazioni della rete siano di importanza fondamentale e se vengono allegati file di grandi dimensioni. Questo tipo di approccio richiede l'utilizzo della porta Tomcat (solitamente la 8080) sul server e dovrebbe essere preso in considerazione se il computer è protetto da un firewall.
CA SDM fornisce repository predefiniti e consente anche di creare i propri repository per rispondere al meglio alle esigenze della propria organizzazione. Scegliere una delle seguenti opzioni:
Configurazione di un repository su un computer remoto
Per impostazione predefinita, i repository si trovano sul server seguente, a seconda della configurazione di CA SDM:
  • Convenzionale: server primario
  • Disponibilità avanzata: server in background
I repository predefiniti utilizzano sia il servlet sia il daemon del repository (rep_daemon) di questi server. Per creare un repository su un computer remoto è necessario installare e configurare i server seguenti, a seconda della configurazione di CA SDM:
  • Convenzionale: server secondario. Il servlet viene eseguito sul server primario e il daemon rep_daemon viene eseguito sul server secondario.
  • Disponibilità avanzata: server in background. Il servlet viene eseguito sul server applicazioni e il daemon rep_daemon viene eseguito sul server in background.
Nella configurazione di disponibilità avanzata, il daemon rep_daemon viene eseguito su tutti i server per impostazione predefinita.
Nella configurazione convenzionale, il daemon rep_daemon viene eseguito sul server primario per impostazione predefinita ed è necessario verificare che il daemon rep_daemon sia eseguito sul server secondario per questa configurazione.
(Solo configurazione convenzionale) Procedere come segue:
  1. Selezionare
    Sistema
    ,
    Configurazioni
    nella scheda
    Amministrazione
    .
    Viene visualizzata la pagina
    Elenco configurazioni
    .
  2. Selezionare la configurazione per il server secondario.
    Viene visualizzata la pagina
    Dettagli configurazione
    .
  3. Fare clic su
    Processi aggiuntivi
    .
    Viene visualizzato l'
    elenco dei processi aggiuntivi
    .
  4. Fare clic su
    Aggiungi processo
    .
  5. Selezionare il
    daemon del repository
    come
    processo
    .
  6. Fare clic su
    Salva
    .
    Il repository viene installato sul server secondario.
Creazione di un repository
A seconda delle proprie esigenze di organizzazione, è possibile avere un repository di grandi dimensioni o più repository di piccole dimensioni. Lo spostamento o la combinazione dei repository avviene facilmente in quanto tutti gli attributi di un repository vengono definiti nel relativo record.
Attenersi alla seguente procedura:
  1. Selezionare
    Libreria allegati
    ,
    Repository
    nella scheda
    Amministrazione
    .
    Viene visualizzata la pagina
    Repository
    .
  2. Fare clic su
    Crea Nuovo
    .
    Viene visualizzata la pagina
    Crea Nuovo repository
    .
    Per il fornitore del servizio è necessario selezionare il tenant appropriato nella pagina
    Crea Nuovo repository
    . L'opzione pubblica (condivisa) rende il repository disponibile per tutti i tenant.
  3. Compilare i campi relativi al repository in modo appropriato.
  4. Fare clic su
    Salva
    .
    Il repository è stato creato.
    Per eliminare un repository, selezionare Libreria allegati, Repository dalla scheda Amministrazione, fare clic con il tasto destro del mouse sul repository, quindi selezionare Elimina. Quando si elimina un repository, vengono eliminati anche tutti i file e le cartelle in esso contenuti.
Utilizzo di un repository predefinito
È possibile utilizzare un repository predefinito (Service Desk, conoscenza o immagini). È possibile modificare un repository per soddisfare al meglio le esigenze dell'organizzazione.
Attenersi alla procedura seguente:
  1. Selezionare
    Libreria allegati
    ,
    Repository
    nella scheda
    Amministrazione
    .
    Viene visualizzata la pagina
    Elenco repository
    .
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul repository che si desidera modificare e selezionare
    Modifica
    .
    Viene visualizzata la pagina
    Aggiorna repository
    .
  3. Modificare i campi in modo appropriato. Per ulteriori informazioni, consultare l'argomento Campi del repository.
  4. Fare clic su
    Salva
    .
    La definizione del repository viene salvata.
Campi Repository
I campi seguenti vengono utilizzati per modificare o creare un repository.
Nome
Specifica il nome per identificare il repository in modo univoco. Ad esempio, nel repository Immagini Incidente è possibile archiviare tutte le immagini correlate a un Incidente.
  • Tipo repository
    Indica il tipo di contenuto archiviato nel repository. Ad esempio, per archiviare allegati di immagine, selezionare
    Immagini
    .
  • Valore predefinito
    Indica se è il repository predefinito per il tipo di repository specificato. Ad esempio, quando l'utente crea un Incidente e desidera associarvi un allegato, viene visualizzato il repository predefinito per la selezione. È possibile impostare come predefinito solo un repository.
  • Dimensione limite file (KB)
    Specifica la dimensione massima di file, in kilobyte, che è possibile caricare nel repository.
  • Percorso caricamento
    Specifica il percorso completo della directory principale o il percorso UNC in cui si trovano i file caricati nel repository.
  • Credenziali UNC
    Specifica le credenziali per accedere al percorso UNC specificato nel campo
    Percorso di caricamento
    . Fare clic su
    Credenziali UNC
    per aprire la
    pagina Ricerca credenziali
    .
    • Se sono state già create le credenziali per accedere al percorso UNC specificato, usare i campi per cercare e selezionare le credenziali.
    • Se si desidera creare le credenziali, fare clic su
      Crea Nuovo
      . Per ulteriori informazioni sulla creazione di credenziali, consultare l'argomento Creazione di credenziali UNC.
  • Servizi in background
    : Le opzioni per i servizi server in background vengono visualizzate solo nella configurazione Disponibilità avanzata.
    Specifica i servizi del server in background per il percorso di servlet e rep_daemon.
    • Nessuno
      Indica che il server in background non viene utilizzato per il percorso di servlet o per rep_daemon. Se si seleziona questa opzione, immettere i valori nei campi
      Server servlet
      e
      Server repository
      .
    • Solo servlet
      Indica che il servlet è ospitato sul server in background. Se si seleziona questa opzione, il campo
      Server servlet
      viene compilato in modo automatico con il valore di
      Server in background
      . Immettere il valore per il campo
      Server repository
      . Se il server in background si arresta e il server di standby viene promosso a nuovo server in background, il campo
      Server servlet
      viene compilato con il valore del nuovo server in background.
    • Solo Daemon
      Indica che rep_daemon viene eseguito sul server in background. Se si seleziona questa opzione, il campo
      Server repository
      viene compilato in modo automatico con il valore di
      Server in background
      . Immettere il valore per il campo
      Server servlet
      . Se il server in background si arresta e il server di standby viene promosso a nuovo server in background, il campo
      Server repository
      viene compilato con il valore del nuovo server in background.
    • Servlet e daemon
      Indica che il server in background viene utilizzato per il percorso di servlet e per rep_daemon. Se si seleziona questa opzione, i campi
      Server servlet
      e
      Server repository
      vengono compilati in modo automatico con il valore di
      Server in background
      . Se il server in background si arresta e il server di standby viene promosso a nuovo server in background, questi campi vengono compilati con il valore del nuovo server in background.
  • Server servlet
    Specifica il server di esecuzione del servlet.
  • Server repository
    Specifica il server su cui rep_daemon è attivo e in esecuzione.
  • Tipo archivio
    Specifica l'azione di archiviazione ed eliminazione da eseguire sul contenuto del repository.
    • Nessuno
      Non vengono eseguiti processi di archiviazione ed eliminazione.
    • Archiviazione ed eliminazione
      I record della cronologia vengono scritti nel file specificato nel campo di archiviazione ed eliminati dal database.
    • Elimina solamente
      I record della cronologia vengono eliminati dal database, senza essere scritti nel file di archiviazione.
  • Percorso archivio
    Specifica il percorso della directory o il percorso UNC in cui vengono spostati i file nel repository durante il processo di archiviazione.
  • Credenziali UNC
    Specifica le credenziali per accedere al percorso UNC. Fare clic su
    Credenziali UNC
    per aprire la pagina
    Ricerca credenziali
    .
    • Se sono state già create le credenziali per accedere al percorso UNC specificato, usare i campi per cercare e selezionare le credenziali.
    • Se si desidera creare le credenziali, fare clic su
      Crea Nuovo
      . Per ulteriori informazioni, consultare la sezione Creazione di credenziali UNC.
  • Tipi file proibiti
    Indica l'estensione dei file che non è possibile caricare nel repository.
    Se il valore in questo campo inizia con un punto esclamativo (!), si tratta di tipi di file consentiti nel repository corrente. Ad esempio, jpg,gif all'interno dell'elenco indica che i file .jpg e .gif sono proibiti nel repository. Tuttavia, un valore !jpg,gif indica che solo i file con estensione .jpg e .gif sono ammessi nel repository.
Creazione delle credenziali UNC
Le credenziali UNC vengono create per consentire agli utenti di accedere alle risorse condivise dai server di CA SDM mediante il percorso UNC.
Il componente UNC non funziona quando il server di CA SDM si trova nel dominio e la posizione condivisa è nel GRUPPO DI LAVORO. Le credenziali UNC utilizzate devono essere disponibili sul server di CA SDM.
Attenersi alla procedura seguente:
  1. Fare clic su Credenziali UNC nella pagina Impostazioni generali
    o selezionare Gestione protezione e ruoli, Credenziali UNC nella scheda
    Amministrazione.
    Viene visualizzata la pagina Elenco credenziali.
  2. Fare clic su Crea Nuovo.
    Viene visualizzata la pagina Crea Nuove credenziali.
  3. Completare i campi seguenti in modo appropriato:
    • Simbolo
      Specifica l'ID univoco per identificare facilmente le credenziali durante una ricerca.
    • ID utente
      Specifica il nome utente per accedere al percorso UNC. L'utente può essere un utente locale o di dominio Windows con accesso al server di Service Desk.
    • Password
      Specifica la password per accedere al percorso UNC.
    • Attivo
      Specifica se le credenziali UNC sono attive. Non è possibile utilizzare le credenziali non attive.
  4. Fare clic su Salva.
    Le credenziali UNC sono state create.
Creazione di una cartella
Le cartelle vengono utilizzate per organizzare i documenti nei repository. Ad esempio, è possibile creare una cartella Immagini errore sotto il repository Immagini. Questa cartella può contenere tutte le snapshot dei messaggi per gli errori riscontrati dall'utente. Non è possibile creare una cartella per il tipo di repository allegati di Service Desk.
Attenersi alla seguente procedura:
  1. Selezionare
    Libreria allegati
    ,
    Repository
    nella scheda
    Amministrazione
    .
    Viene visualizzata la pagina
    Elenco repository
    .
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul repository in cui si desidera creare la cartella e selezionare
    Aggiungi cartella
    .
    Viene visualizzata la pagina
    Crea Nuova cartella
    .
  3. Immettere il nome della cartella e una descrizione del suo contenuto.
  4. Selezionare la scheda
    Autorizzazioni
    e specificare i diritti di accesso appropriati.
  5. Fare clic su
    Salva
    .
    Viene creata la cartella.
Diritti di accesso
È possibile aggiungere i diritti di accesso seguenti alla cartella nel repository:
  • Eredita da padre
    Indica che la cartella ha le stesse impostazioni di autorizzazione della cartella padre. Questa opzione viene visualizzata solo per le cartelle secondarie.
  • Controllo per Gruppo
    Indica l'accesso in lettura o in scrittura alla cartella per gruppi specificati. Questa opzione viene visualizzata per tutte le cartelle e le cartelle secondarie.
    • Concedi autorizzazione in scrittura a tutti
      Indica che tutti gli utenti hanno accesso in scrittura alla cartella.
    • Concedi autorizzazione in lettura a tutti
      Indica che tutti gli utenti hanno accesso in lettura alla cartella. L'autorizzazione in lettura indica che è possibile visualizzare la cartella ma non modificarla, eliminarla o memorizzare in essa dei file. Gli utenti con diritti di amministratore possono modificare una cartella anche se il gruppo con autorizzazione loro associato non può farlo. Se un utente appartiene a più gruppi con autorizzazione con diversi livelli di accesso al documento, ottiene il livello di accesso più alto disponibile (ad esempio, se un gruppo dispone di accesso in sola lettura e l'altro di accesso in scrittura, l'utente ottiene l'accesso in scrittura).
      Se si seleziona la casella di controllo
      Concedi autorizzazione in scrittura a tutti
      , viene selezionata automaticamente la casella di controllo
      Concedi autorizzazione in lettura
      a tutti.
    • Gruppi disponibili
      Visualizza tutti i gruppi. È possibile scegliere i gruppi da questo elenco. Ad esempio, selezionare un gruppo e fare clic su > per
      Gruppi con autorizzazione di scrittura
      per fornire a tutti gli utenti compresi in tale gruppo l'accesso in lettura e scrittura alla cartella. Utilizzare
      Mostra filtro
      per specificare i criteri e filtrare i gruppi.
Aggiunta di un file a una cartella o a un repository
L'amministratore o l'analista della conoscenza può aggiungere un file in una cartella o un repository. Verificare che sia presente una libreria allegati prima di procedere.
Attenersi alla seguente procedura:
  1. Selezionare
    Libreria allegati
    ,
    Repository
    nella scheda
    Amministrazione
    .
    Viene visualizzata la pagina
    Elenco repository
    .
  2. Espandere il repository, fare clic con il tasto destro del mouse sulla cartella in cui si desidera aggiungere il file, quindi selezionare
    Aggiungi file
    .
    Viene visualizzata la pagina
    Aggiungi file
    .
  3. Fare clic su
    Sfoglia
    per accedere al file desiderato e selezionarlo.
  4. Inserire il nome per identificare il file e la descrizione, se necessario.
  5. Fare clic su
    Carica
    .
    Il file viene caricato nella cartella del repository.