Gestione di Smart Search

Questo articolo contiene un'introduzione a Smart Search e ai concetti correlati.
casm173
Questo articolo contiene un'introduzione a Smart Search e ai concetti correlati.
Questo articolo riguarda gli ambienti integrati di CA Service Desk Manager e CA Service Catalog. Prima di procedere alla lettura dell'articolo, attenersi alle istruzioni riportate nella sezione Offerte disponibili in CA Service Catalog.
Introduzione a Smart Search
Gli utenti aziendali possono porre domande o descrivere un problema tramite la barra di ricerca di Smart Search. Smart Search mostra le categorie, le offerte di servizio e le 20 soluzioni principali corrispondenti alla query di ricerca. I risultati di Smart Search si basano sui seguenti parametri:
termini di ricerca
,
contesto utente, peso minimo e peso massimo.
In base ai requisiti dell'organizzazione e all'ottimizzazione della rilevanza della ricerca, l'amministratore può personalizzare Smart Search.
Personalizzazione di Smart Search
In base ai requisiti dell'organizzazione e all'ottimizzazione della rilevanza della ricerca, l'amministratore può personalizzare Smart Search.
Attenersi alla procedura seguente:
  1. Accedere a CA SDM come amministratore.
  2. Accedere alla scheda
    Amministrazione
    , selezionare
    Interfaccia xFlow
    ,
    Service Point
    , quindi
    Configurazioni
    .
  3. Nella colonna Nome, selezionare il nome per la configurazione del tenant desiderato.
  4. Dall'elenco dei componenti, selezionare
    Smart Search
    .
    Vengono visualizzati i dettagli di Smart Search per le categorie e le offerte di servizio.
  5. Per modificare i dettagli di Smart Search, fare clic su
    Modifica
    nella parte superiore a destra della schermata.
    Si consiglia di non modificare i pesi minimi e massimi. Tuttavia, è possibile
    scambiare
    i valori massimi per le categorie e le offerte di servizio.
  6. Modificare i campi seguenti per le categorie:
    • Peso minimo
    • Peso massimo
    • Termine di ricerca
  7. Modificare i campi seguenti per le offerte di servizio:
    • Peso minimo
    • Peso massimo
    • Termine di ricerca
  8. Fare clic su
    Salva
    .
  9. Se si modifica il
    Termine di ricerca
    , verificare il corretto funzionamento del nodo cluster Elastic Search.
  10. Eseguire manualmente il comando
    pdm_es_initial_load
    :
    $ES_HOME/search/bin/pdm_es_initial_load.bat index=sp_index.autocat_search
Smart Search con tolleranza
La tolleranza è un concetto di Elastic Search che restituisce un elenco di risultati anche nel caso in cui le stringhe di ricerca o l'ortografia non corrispondono esattamente. La tolleranza consente a Smart Search di gestire piccoli errori di ortografia nelle stringhe di ricerca e restituire i risultati corretti. Ad esempio, la corrispondenza della stringa
stampante di rete non funzionante
con
stampnte di rete non funzionante
richiede un certo tipo di tolleranza della corrispondenza.
La tolleranza è disabilitata in Service Point in quanto potrebbe avere un impatto negativo sulla rilevanza della ricerca. Tuttavia, in base alle esigenze dell'organizzazione, la tolleranza può essere abilitata dall'amministratore.
Attenersi alla seguente procedura:
  1. Accedere alla posizione predefinita, <
    xFlow_Home>\APPS\Services\searchmicroservice-17.0.479\conf
    e aprire il file
    application.conf
    in un editor di testo.
  2. Aggiornare
    searchQueryWithContext
    e
    searchQueryWithContextAndTenant
    come indicato di seguito:
    Corrente:
    "minimum_should_match": "%s",
    "tie_breaker": 0.3
    }
    Aggiorna:
    "minimum_should_match": "%s",
    "tie_breaker": 0.3,
    "fuzziness": "AUTO",
    "prefix_length": "3"
    }
  3. Riavviare i servizi dell'interfaccia xFlow.
Chiavi di configurazione per Smart Search
Le seguenti chiavi di configurazione predefinite vengono utilizzate da Smart Search:
  • esearch.default.slcm.context.range.time
  • esearch.default.slcm.context.scheduler.interval
  • smartsearch.query.minmatch
  • smartsearch.tickets.resolved.time
Informazioni
: per cercare le chiavi di configurazione, accedere alla scheda
Amministrazione
, selezionare
interfaccia xFlow
, quindi
Generale
.
Suggerimenti
:
  • Utilizzare la configurazione predefinita
    key:values
    .
  • Riavviare i servizi xFlow se si modificano i valori delle chiavi di configurazione predefiniti.