Framework

Dopo aver reso disponibili gli strumenti nell'ambiente di sviluppo, occorre creare una struttura che consenta di conservare i cambiamenti dello schema attraverso gli aggiornamenti del prodotto.
casm173
Dopo aver reso disponibili gli strumenti nell'ambiente di sviluppo, occorre creare una struttura che consenta di conservare i cambiamenti dello schema attraverso gli aggiornamenti del prodotto.
Non modificare l'universo di sviluppo di CA SDM installato per impostazione predefinita con CA Business Intelligence. In caso contrario, i cambiamenti dello schema potrebbero venire sovrascritte durante i processi di patch e aggiornamento. La modifica dell'universo di CA SDM potrà alla fine comportare la perdita delle modifiche allo schema all'interno dell'infrastruttura CA Business Intelligence.
L'universo BusinessObjects è il metalayer che descrive lo schema all'interno dell'infrastruttura CA Business Intelligence. Invece di modificare l'universo fornito da CA, si può creare un universo specifico per il cliente collegato all'universo di CA SDM. Grazie a questo approccio, è possibile mantenere le modifiche dello schema locale con il minimo sforzo durante il processo di aggiornamento e CA SDM sarà in grado di fornire gli aggiornamenti all'universo di base.
I clienti di CA SDM con una buona conoscenza della documentazione dell'universo BusinessObjects saranno informati su altre procedure documentate disponibili da BusinessObjects che permettono di collegare universi. Il procedimento discusso qui, tuttavia, è l'unico procedimento supportato da CA per mantenere le modifiche del cliente.
L'universo predefinito è denominato CA SDM ed è memorizzato nella cartella CA Universes all'interno della Console di gestione centralizzata (CMC). Questo universo predefinito è l'universo "kernel" in una struttura in cui sono collegati gli universi.
L'universo CA SDM può avere un nome qualsiasi a scelta. Il nome sarà mostrato a chi stila i report quando ne stanno creando uno, di conseguenza deve essere un nome significativo. L'universo del cliente è un universo "derivato" in una struttura in cui gli universi sono collegati.
All'interno di questa struttura, è possibile mantenere qualsiasi numero di universi derivati ma soltanto uno serve per mantenere i cambiamenti dello schema. Si possono utilizzare vari universi derivati per facilità di manutenzione o requisiti di sicurezza, ma tali decisioni sono ad esclusiva discrezione delle proprie esigenze di supporto in produzione.
In un ambiente di universo derivato, verificare quanto segue:
  • Mantenere la convenzione z_ nel nome per il nome del file universo in tutti gli universi.
  • Usare la connessione di CA SDM, dopodiché salvare l'universo nella cartella CA Customer Universe.
  • Non cancellare il collegamento all'universo kernel.
Creazione di una struttura per la promozione dei Cambiamenti dello schema in CA Business Intelligence
Utilizzare Universe Design Tool per creare una struttura finalizzata alla promozione delle modifiche dello schema in CA Business Intelligence.
Attenersi alla procedura seguente:
  1. Aprire Universe Design Tool.
    Selezionare File, New dal menu Universe Design Tool.
    Viene visualizzata la finestra di dialogo Parametri universo.
  2. Fare clic sulla scheda Definition ed immettere un nome significativo per questo universo nel campo Name.
  3. (Facoltativo) Immettere una descrizione nel campo Descrizione.
  4. Selezionare CA SDM dall'elenco a discesa Connection.
  5. Fare clic sul pulsante Add Link nella scheda Links.
    Compare la finestra di dialogo Universo a collegamento.
  6. Espandere le cartelle Universi di CA e completare i seguenti passaggi:
    1. Aprire il file CA Service Desk.unv. Una volta chiusa la finestra di dialogo Universo a collegamento, l'universo di CA SDM viene visualizzato nella scheda Collegamenti.
    2. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Parametri universo.
    Universe Design Tool può impiegare alcuni minuti ad elaborare il collegamento e a creare l'universo derivato.
  7. Dopo la creazione dell'universo derivato, realizzare le seguenti operazioni:
    1. Modificare il(i) parametro(i) seguente(i) in modo appropriato.
      • Selezionare Parameters nel menu File.
      • Fare clic sulla scheda Parameter.
      • Specificare ANSI92 = SÌ.
    2. Fare click sulla scheda Controlli e impostare i seguenti campi con un valore adatto alla propria implementazione, dopodiché fare click su OK per salvare i valori e chiudere la finestra di dialogo dei parametri:
      • Dimensioni limite del set risultati
      • Tempo limite di esecuzione
      • Dimensioni limite di oggetti testo lunghi (minimo 4000).
    3. Definire le gerarchie. Notare che le gerarchie di clienti non vengono importate.
      • Selezionare Tools, Hierarchies.
      • Eseguire la selezione multipla di tutte le gerarchie personalizzate, quindi fare clic sul pulsante freccia Add. Tutte le gerarchie vengono spostate al lato destro.
  8. Dal menu Universe Design Tool, fare clic su File, Save.
    Viene visualizzata la finestra Salva con nome.
  9. Nel campo File Name, selezionare un nome file descrittivo, quindi elaborare il nome file con "z_". Ad esempio, un universo denominato "ACME Anvil Co" può diventare per impostazione predefinita "ACME_Anvil_Co.unv". Modificare il nome del file in "z_ACME_Anvil_Co.unv" prima di salvare.
  10. Esportare l'universo derivato nel CMS nel modo seguente:
    1. Selezionare File, Export dal menu Universe Design Tool.
    2. Dall'elenco a discesa del campo Domain, selezionare <Browse>, quindi individuare e selezionare gli universi dei clienti CA.
    3. Fare click su OK per esportare l'universo al CMS locale
      Viene visualizzata la finestra di dialogo Universe Successfully Exported.
    A questo punto, esiste la struttura per promuovere i cambiamenti dello schema personalizzato attraverso CA Business Intelligence.
  11. Accedere come amministratore a Business Intelligence Launch Pad e procedere come segue:
    1. Selezionare Cartelle pubbliche.
    2. Dalla barra degli strumenti di Business Intelligence Launch Pad, fare clic su New, Folder.
    3. Nel campo Nome cartella, fornire una descrizione significativa per report utenti, come "Report Nome Organizzazione".
    4. Fare click su OK per visualizzare la cartella creata sotto Cartelle pubbliche.
    Questo crea la struttura minima da utilizzare e memorizza i report della propria organizzazione. Si può aggiungere un numero arbitrario di sottocartelle e di oggetti a questa struttura.