Modalità di modifica dell'interfaccia Web mediante Web Screen Painter

casm173
Web Screen Painter (WSP) consente di modificare i moduli Web in base ai requisiti del proprio sito senza programmazione.
Alcuni moduli di Gestione della conoscenza non possono essere personalizzati nella visualizzazione di progettazione di WSP. Per la personalizzazione di questi moduli sono previsti approcci alternativi, ad esempio i seguenti:
  • Visualizzazione documento: il contenuto di questa pagina è determinato dal modello utilizzato per la creazione del documento. Questi modelli possono essere modificati nella scheda Amministrazione, in Documenti, Modelli documento.
  • Elenco documenti categorie della conoscenza: è possibile modificare questa pagina utilizzando WPS, ma anche mediante le preferenze utente. La schermata Preferenze fornisce opzioni di personalizzazione per l'utente finale che consentono di definire quali proprietà del documento visualizzare nell'elenco dei documenti e quanti documenti visualizzare per pagina.
Attenersi alla seguente procedura:
  1. Modifica di un modulo
    WSP salva sempre le modifiche sul server in cui è installato. Quando si salva un file, il file diventa accessibile agli altri utenti di WSP in una sessione di anteprima ma resta invisibile agli utenti di CA SDM. Questo risultato dipende dal fatto che WSP salva tutti i file nella directory site/mods/wsp, non utilizzata da una sessione standard di CA SDM.
  2. Se sono in corso modifiche al modulo Web nel sistema di test, eseguire la migrazione dal sistema di test a quello di produzione.
  3. (Se necessario) Eliminare i moduli dopo la pubblicazione.
Verificare i prerequisiti
Verificare i prerequisiti seguenti prima di iniziare la personalizzazione:
  • Modificare lo schema che si desidera aggiungere ai moduli Web.
  • (Solo per la configurazione con disponibilità avanzata) Sono stati verificati i prerequisiti seguenti per la corretta pubblicazione dei moduli Web:
    • (Consigliato) I servizi di CA SDM sono attivi e in esecuzione su tutti i server CA SDM. In caso contrario, WSP esegue la pubblicazione solo sui server di CA SDM attivi e in esecuzione.
    • (Obbligatorio) Su ogni server di CA SDM è necessario che sia eseguita almeno un'istanza di modulo Web.
Avvio di WSP
Avviare WSP per modificare i moduli Web.
Attenersi alla procedura seguente:
  1. Accedere al computer su cui è installato WSP.
  2. Avviare WSP.
    • (Windows) Fare clic su Start, Programmi, CA, Service Desk, WSP.
    • (UNIX) Immettere il comando
      pdm_wsp
      with $NX_ROOT/bin nel percorso.
      Quando si utilizza UNIX, verificare che Firefox sia installato per utilizzare WSP.
    Viene visualizzata la finestra di accesso di WSP.
  3. Immettere le credenziali.
    WSP visualizza il modulo principale.
Selezione del modulo da modificare
È possibile creare un modulo oppure aprire un modulo esistente da modificare. Selezionare una delle seguenti possibilità:
Creazione di un modulo
Creare un modulo in WSP.
Attenersi alla procedura seguente:
  1. Fare clic su File, Nuovo.
    Viene visualizzata la finestra di dialogo Nuovo modulo.
  2. Completare i campi seguenti:
    • Tipo interfaccia o tipo file
      Indica il tipo di file del modulo. Ad esempio, per creare un modulo HTMPL selezionare un'interfaccia (Analista, Cliente, Dipendente, Predefinito o PDA). Per creare un modulo di un altro tipo di file selezionare direttamente il tipo (Foglio di stile CSS, HTML o JavaScript). Quando si seleziona un'interfaccia o un tipo di file, WSP mostra un elenco di tutti i moduli disponibili per il tipo di file selezionato nel campo Nome file.
    • Gruppo moduli
      Indica il gruppo di moduli (come definito per l'installazione di CA SDM) in cui si desidera creare il nuovo modulo o file. Se non sono stati definiti gruppi di moduli, nell'elenco viene riportato solo il gruppo di moduli PREDEFINITO.
    • Nome file
      Indica il modulo per l'interfaccia o il tipo di file selezionato. Un modello contiene i requisiti di base per un nuovo modulo o file del tipo desiderato.
    • Selezionare la tabella per il nuovo elenco o per il nuovo modulo dettagli.
      Indica le tabelle di CA SDM per cui è possibile creare un nuovo modulo elenco o modulo dettagli. Questo campo viene compilato in base all'interfaccia selezionata (Analista, Cliente, Dipendente, Predefinito o PDA).
      In un gruppo di moduli può esserci un solo modulo dettagli o elenco per tabella, pertanto, per quelle tabelle che già dispongono di un modulo, è necessario modificare il modulo esistente anziché crearne uno nuovo. Se si desidera disporre di più versioni di un modulo, creare uno o più gruppi di moduli per conservare le varie versioni.
  3. Fare clic su Nuovo.
  4. Il modulo viene visualizzato per la personalizzazione. Vengono visualizzate le due schede seguenti:
    1. Progetto
      È disponibile per i moduli di dettaglio, di elenco e di barra dei menu. In questa scheda la disposizione dei controlli è simile a quella visualizzata dall'utente finale. Non è un'immagine di come l'utente finale visualizza il modulo. Per visualizzarla, selezionare
      Strumenti
      ,
      Anteprima
      .
    2. Origine
      Si tratta di un editor simile a Blocco note che consente di esaminare e modificare il codice sorgente di un modulo. Alcuni moduli possono essere modificati solo nella scheda Progetto. Per questi moduli, la finestra di modifica si apre direttamente nella scheda Progetto; la scheda Progetto è disattivata.
    Il modulo è pronto per la personalizzazione.
    Quando si crea o si modifica un modulo dettagli o elenco, utilizzare i prefissi list_ e detail_ per denominare il file HTMPL. Ad esempio, utilizzare list_test.htmp" e detail_test.htmpl. Il prefisso consente la corretta esecuzione dell'anteprima di un modulo. Quando si salva un modello di dettaglio con un nome personalizzato, è anche necessario modificare manualmente il tag <PDM_WSP>. Ad esempio, <PDM_WSP mode=edit preview="test.htmpl+OP=CREATE_NEW" factory=cr>.
Apertura di un modulo esistente
Aprire un modulo esistente in WSP per modificarlo.
Attenersi alla seguente procedura:
  1. Selezionare File, Open.
    Viene visualizzata la finestra di dialogo Apri modulo.
  2. Selezionare l'interfaccia (Analista, Cliente, Dipendente, Predefinito) o il tipo di file (fogli di stile CSS, JavaScript o HTML) e il gruppo di moduli contenente quello da modificare.
  3. Selezionare il modulo dall'elenco o immettere il nome nella casella di testo.
    Quando si immette un nome nella casella di testo, WSP scorre automaticamente l'elenco fino a trovare il primo nome corrispondente ai caratteri immessi. Per limitare il numero di file visualizzati, è possibile usare l'elenco a discesa File di stato:
    • Sito modificato con modifiche non pubblicate (+)
      Limita l'elenco ai file che sono stati modificati con WSP ma che non sono ancora stati pubblicati. Questi file sono identificati da un segno più (+) posto dopo il nome file.
    • Sito modificato (*)
      Limita l'elenco ai moduli modificati in locale, sia quelli pubblicati che quelli non pubblicati. I file non pubblicati sono identificati da un segno più (+) posto dopo il nome file. Le modifiche pubblicate in locale sono identificate con un asterisco (*) dopo il nome del file.
    • Tutti
      Mostra tutto l'elenco senza restrizioni. I file non pubblicati sono identificati da un segno più (+) posto dopo il nome file. Le modifiche pubblicate in locale sono identificate con un asterisco (*) dopo il nome del file.
  4. Fare clic su Apri.
    Il modulo viene visualizzato ed è pronto per la personalizzazione.
Modifica di un modulo
Dopo aver aperto il modulo, è possibile personalizzarlo in WSP utilizzando la barra degli strumenti, i comandi di menu e i collegamenti. È possibile effettuare le personalizzazioni seguenti:
  • Inserimento di un controllo
  • Modifica delle proprietà dei controlli
  • Modifica delle barre dei menu
  • Modifica dei fogli di stile
  • Modifica dell'anteprima al passaggio del mouse di un modulo
  • Modifica dell'elenco griglia di dati nel modulo elenco
  • Modifica dei Notebook nel modulo dettagli
  • Modifica dei file HTML e JavaScript
Inserimento di un controllo
Aggiungere un controllo nel modulo. Ad esempio, aggiungere una casella di testo nel modulo.
Di seguito sono indicati i controlli che possono essere inseriti sia nei moduli dettagli che in quelli elenco sono:
Controllo
Icona
Descrizione
Inserisci Riga
BSVC_r12.1--Inserting a Control
Determina lo spostamento del controllo selezionato nell'ultima posizione della riga corrente e sposta i controlli successivi nella nuova riga.
Elimina Riga
N/D
Elimina tutti i controlli presenti sulla stessa riga del controllo selezionato.
Casella di testo
BSVC_r12.1--Inserting a Control (2)
Inserisce una casella di testo a una riga o a più righe per modificare un campo di tipo stringa o testo.
Elenco a discesa
BSVC_r12.1--Inserting a Control (3)
Inserisce un elenco a discesa per la modifica di un campo convalidato rispetto ad una tabella.
Ricerca
BSVC_r12.1--Inserting a Control (4)
Inserisce un controllo di tipo ricerca per modificare un campo convalidato rispetto a una tabella. Il controllo è composto da una casella di testo la cui etichetta presenta un collegamento ipertestuale che apre un determinato modulo.
Pulsante
BSVC_r12.1--Inserting a Control (12)
Inserisce un pulsante.
Ricerca gerarchica
BSVC_r12.1--Inserting a Control (5)
Simile al controllo Ricerca tranne per il fatto che è usato per un campo con un selettore gerarchico (ad esempio la categoria della richiesta).
Data
BSVC_r12.1--Inserting a Control (6)
Inserisce un campo per la data. Il controllo è composto da una casella di testo la cui etichetta presenta un collegamento ipertestuale che apre un selettore di date.
I controlli seguenti sono disponibili solo per i moduli dettagli:
Controllo
Icona
Descrizione
Casella di controllo
BSVC_r12.1--Inserting a Control (7)
Inserisce una casella di controllo.
Editor HTML
BSVC_r12.1--Inserting a Control (8)
Inserisce un editor HTML per un campo di testo contenente codice HTML.
Casella di testo di sola lettura
BSVC_r12.1--Inserting a Control (9)
Inserisce un campo di testo non modificabile.
Ricerca sola lettura
BSVC_r12.1--Inserting a Control (10)
Inserisce un campo di ricerca non modificabile. Il campo viene visualizzato come collegamento ipertestuale che apre il modulo dettagli che lo definisce.
Sola lettura
BSVC_r12.1--Inserting a Control (11)
Inserisce un campo per la data non modificabile.
Notebook
BSVC_r12.1--Inserting a Control (13)
Inserisce un notebook. In un modulo dettagli può esserci solo un notebook, pertanto questo controllo può essere inserito solo sui moduli che non contengono già un notebook.
Il controllo seguente è disponibile solo per i moduli elenco:
Controllo
Icona
Descrizione
Elenco
BSVC_r12.1--Inserting a Control (14)
Inserisce un elenco. In un modulo elenco può esserci solo un elenco, pertanto questo controllo può essere inserito solo su nuovi moduli elenco.
Attenersi alla seguente procedura:
  1. Fare clic con il pulsante destro del mouse nel punto del modulo in cui si desidera aggiungere il controllo e selezionare Inserisci controllo.
    Viene visualizzato un elenco a discesa.
  2. Selezionare le opzioni della finestra di dialogo per l'inserimento dei controlli.
    Il controllo viene inserito nel modulo.
  3. Selezionare Strumenti, Anteprima per controllare la visualizzazione del modulo per l'utente finale. Sebbene sia simile a una finestra standard di CA SDM e presenti numerosi pulsanti e menu funzionanti, la finestra di anteprima non è una sessione standard e non deve essere utilizzata come tale.
  4. Fare clic su File, Salva.
    I controlli sono stati aggiunti al modulo.
Opzioni della finestra di dialogo Inserisci controllo
Nel menu File, aprire la finestra di dialogo Inserisci controllo. La finestra di dialogo contiene un elenco di tutti i controlli dell'interfaccia utente corrispondenti alla sezione del modulo che si desidera modificare.
La finestra di dialogo contiene le seguenti opzioni:
  • Inserisci prima
    Inserisce il controllo selezionato nell'elenco prima del controllo selezionato nel modulo di base, rendendolo il controllo selezionato attualmente.
  • Inserisci dopo
    Inserisce il controllo selezionato nell'elenco dopo il controllo selezionato nel modulo di base, rendendolo il controllo selezionato attualmente.
  • Precedente
    Il controllo precedente al controllo selezionato attualmente diviene il controllo selezionato nel modulo.
  • Successivo
    Il controllo successivo al controllo selezionato attualmente diviene il controllo selezionato nel modulo.
  • Proprietà
    Apre la finestra di dialogo Proprietà per il controllo selezionato.
  • Chiudi
    Consente di chiudere il modulo Inserisci controllo.
  • Chiudi il modulo dopo l'inserimento
    (Abilitato) Inserisce il controllo selezionato e chiude la finestra di dialogo Inserisci controllo quando si fa clic su Inserisci prima o Inserisci dopo.
    (Disattivato) Inserisce il controllo selezionato quando si fa clic su Inserisci prima o Inserisci dopo. La finestra di dialogo Inserisci controllo rimane aperta per consentire all'utente di inserire controlli aggiuntivi o proprietà di richiesta per il controllo selezionato. Dopo aver deselezionato la casella di controllo Chiudi il modulo dopo l'inserimento, la casella rimarrà deselezionata fino alla sua riattivazione o al termine della sessione WSP.
    Impostazione predefinita:
    Attivato
Modifica delle proprietà dei controlli
Modificare le proprietà di un controllo.
Attenersi alla procedura seguente:
  1. Selezionare il controllo e premere F4.
    Viene visualizzata la finestra di dialogo Proprietà.
  2. Modificare le proprietà in base alle proprie esigenze. Ad esempio, la proprietà Didascalia specifica l'etichetta dell'intestazione visualizzata sopra al controllo. Per specificare questa proprietà, immettere il valore desiderato nella cella alla destra della proprietà Didascalia.
  3. Chiudere la finestra di dialogo Proprietà.
  4. Selezionare Strumenti, Anteprima per controllare la visualizzazione del modulo per l'utente finale. Sebbene sia simile a una finestra standard di CA SDM e presenti numerosi pulsanti e menu funzionanti, la finestra di anteprima non è una sessione standard e non deve essere utilizzata come tale.
  5. Fare clic su File, Salva.
    Le proprietà del controllo sono state modificate e il modulo è stato salvato.
Modifica delle barre dei menu
I moduli i cui nomi iniziano con "
menubar_
" definiscono una barra dei menu. Nella modalità Progettazione di una barra dei menu il menu è visualizzato nella parte superiore. Nella modalità Progettazione non è possibile modificare direttamente la barra dei menu, ma solo fare clic su una voce di menu per aprirlo. Per modificare una barra dei menu, fare doppio clic sulla voce di menu per visualizzare Progettazione menu.
I menu e i moduli barra dei menu vengono usati solo nell'interfaccia dell'analista. Nelle interfacce di cliente e dipendente viene utilizzata una barra di avvio contenente i collegamenti veri e propri e non gli elenchi a discesa. Per modificare la barra di avvio per il cliente o il dipendente, modificare il modulo std_body_site.htmpl dall'interfaccia appropriata.
Attenersi alla seguente procedura:
  1. Selezionare Strumenti, Progettazione menu o fare doppio clic sul menu illustrato nella scheda Progettazione di un modulo della barra dei menu.
    Viene visualizzata la finestra di dialogo Progettazione menu.
  2. Completare i campi nella finestra di dialogo Progettazione menu per aggiungere o modificare le voci di menu. Per ulteriori informazioni sull'aggiunta di voci del menu, consultare l'argomento Funzioni utili nelle voci di menu.
  3. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo.
  4. Selezionare Strumenti, Anteprima per controllare la visualizzazione del modulo per l'utente finale. Sebbene sia simile a una finestra standard di CA SDM e presenti numerosi pulsanti e menu funzionanti, la finestra di anteprima non è una sessione standard e non deve essere utilizzata come tale.
  5. Fare clic su File, Salva.
    La barra dei menu è stata modificata nel modulo.
Finestra di dialogo Progettazione menu
La finestra di dialogo Progettazione menu viene visualizzata quando si sceglie Progettazione menu dal menu Strumenti oppure quando si fa doppio clic sul menu presente nella scheda Progetto di un modulo tipo barra dei menu. Utilizzare la finestra di dialogo Progettazione menu per aggiungere una barra dei menu, menu, sottomenu e comandi di menu al modulo aperto.
: È possibile accedere alla finestra di dialogo Progettazione menu solo durante la modifica dei moduli HTMPL il cui nome inizia con "menubar_", ad esempio menubar_admin.htmpl.
La finestra di dialogo Editor menu contiene i controlli seguenti:
  • Elenco menu
    Dall'elenco dei menu, selezionare la voce di menu da modificare. Ad esempio, per modificare l'etichetta del menu, selezionare un'etichetta di menu dall'elenco, digitare un nuovo nome nella casella di testo Didascalia e fare clic su Applica. È possibile aggiungere, inserire, eliminare e i spostare le voci dei menu con i comandi in Progettazione menu.
    È consentito un solo livello di rientro.
  • Didascalia
    Immettere il nome per la voce di menu selezionata. Per ulteriori informazioni, consultare la proprietà.
  • Funzione
    Immettere la funzione JavaScript da eseguire quando l'utente fa clic sul menu. Per ulteriori dettagli, consultare la descrizione della proprietà Funzione, tra cui alcune funzioni predefinite che possono essere utili nei menu.
  • ID
    Immettere l'ID HTML/JavaScript da assegnare alla voce di menu.
  • Tasto di scelta rapida
    Immettere un elenco di caratteri da utilizzare in CA SDM come tasti di scelta rapida per il menu. Nella didascalia del menu, il tasto di scelta rapida viene visualizzato sottolineato. CA SDM seleziona in genere il primo carattere della didascalia del menu che non risulta già definito come tasto di scelta rapida. È possibile specificare uno o più caratteri per limitare la scelta oppure è possibile anteporre un punto esclamativo a uno o più caratteri per impedirne la selezione.
  • Immagine
    Specificare la posizione in cui si desidera che l'immagine venga visualizzata accanto alla voce di menu.
  • Interna
    Selezionare questa opzione per specificare che il codice JavaScript richiamato dalla funzione deve essere eseguito nel contesto della finestra corrente (che può essere una finestra popup dei dettagli). Non selezionare questa opzione per specificare che la funzione deve essere eseguita nel contesto del modulo principale.
  • Variabile
    Immettere la variabile JavaScript da assegnare alla voce di menu.
  • Barra degli strumenti
    Aggiunge un'icona della barra degli strumenti e una descrizione comandi corrispondente a una voce di menu non di livello superiore.
  • File icona
    Identifica la posizione dell'icona della barra degli strumenti.
  • Mancia
    Specifica il testo della descrizione comandi.
Funzioni utili nelle voci di menu
CA SDM fornisce una barra dei menu in quasi tutti i moduli per controllarne le funzioni. La barra di menù viene generata da un modulo HTMPL con il nome del modulo menubar_
xx
.htmpl. Si raccomanda di utilizzare WSP per modificare le barre di menu esistenti e per definirne di nuove.
Le funzioni predefinite seguenti possono essere utili per gli script richiamati dalle voci dei menu:
  • upd_frame(modulo)
    Carica un nuovo modulo nel frame del contenuto della finestra principale.
  • create_new(factory, use_template, width, height [,args])
    Visualizza un modulo per definire un nuovo record.
    Popup_window(name, form[, width, height [,features [,args]] ])
    Visualizza una nuova finestra.
  • showDetailWithPersid(persid)
    Visualizza un record dettagli.
Ecco la spiegazione dei termini e delle definizioni validi per le funzioni precedenti:
  • Modulo
    Rappresenta il nome del file HTMPL, nel formato xxx.htmpl, o il codice di un'operazione, ad esempio CREATE_NEW.
  • factory
    Rappresenta il nome dell'oggetto del database.
  • usa_modello
    Può essere True o False.
  • larghezza
    Rappresenta la larghezza desiderata del modulo; il valore predefinito è zero.
  • altezza
    Rappresenta l'altezza desiderata del modulo; il valore predefinito è zero.
  • caratteristiche
    Rappresenta un elenco di funzioni della finestra nello stesso formato utilizzato con la funzione window.open standard.
  • argomenti
    Rappresenta uno o più argomenti di tipo "parola chiave=valore" per l'operazione specificata per il modulo.
  • persid
    Rappresenta l'ID persistente di tipo factory:id.
Modifica dei fogli di stile
È possibile utilizzare WSP per modificare o creare i file CSS (Cascading Style Sheet).
Per motivi di prestazioni, alcuni fogli di stile di CA SDM sono disponibili in due formati: file singoli (ad esempio search_filter.css) e file di combinazione che raggruppano un determinato numero di file singoli con commenti e spazio in eccesso rimosso (ad esempio analyst_styles.css). WSP modifica sempre i file singoli, mentre non è possibile modificare direttamente una combinazione di file. Quando si pubblicano le modifiche apportate ai fogli di stile, WSP genera automaticamente il file di combinazione associato, se necessario.
Attenersi alla seguente procedura:
  1. Creare o aprire il file del foglio di stile CCS.
    Web Screen Painter mostra la visualizzazione Origine del foglio di stile.
  2. È possibile modificare il foglio direttamente nella modalità Origine oppure visualizzare Progettazione stile selezionando Strumenti, Progettazione stile.
  3. Completare i campi nella finestra di dialogo Progettazione stile in modo appropriato. Esistono numerosi attributi di stile, come il margine e il bordo, che non possono essere né visualizzati né modificati in Progettazione stile. Devono essere modificati nella modalità Fonte.
  4. Fare clic su OK in Progettazione stile.
    WSP riformatta il foglio di stile e aggiorna la visualizzazione Origine.
  5. Fare clic su File, Salva.
    Il foglio di stile è stato modificato.
Finestra di dialogo Progettazione stile
Progettazione stile consente di modificare o personalizzare i fogli di stile. Per impostazione predefinita, la finestra di dialogo Progettazione stile viene aperta nella scheda Carattere e colore e contiene i controlli seguenti:
  • Classi stili
    Selezionare dall'elenco a discesa un elemento di stile da modificare.
  • Aggiungi
    Fare clic per aggiungere una nuova classe di stile.
  • Rinomina
    Fare clic per rinominare la classe di stile selezionata dall'elenco a discesa Classi stili.
  • Elimina
    Fare clic per eliminare la classe di stile selezionata dall'elenco a discesa Classi stili.
  • Caratteri installati
    Questa proprietà elenca i caratteri installati nel sistema. Fare clic sulle frecce destra e sinistra per spostare i caratteri selezionati tra l'elenco Caratteri installati e l'elenco Caratteri selezionati.
  • Caratteri selezionati
    Questa proprietà specifica un elenco gerarchico di caratteri preferiti che un browser utilizza per creare l'elemento della classe di stile. Un browser utilizza il primo carattere dell'elenco installato sul sistema su cui è in esecuzione.
    Fare clic sulle frecce su e giù per spostare i caratteri selezionati in alto o in basso nella gerarchia.
  • Dimensioni carattere
    Selezionare le dimensioni del carattere dall'elenco a discesa.
  • Grassetto
    Selezionare lo stile del carattere dall'elenco a discesa.
  • Corsivo
    Selezionare lo stile del carattere dall'elenco a discesa.
  • Nessun effetto
    Selezionare questa opzione se non si desidera alcun tipo di effetto sul testo.
  • Sottolineato
    Selezionare questa opzione se si desidera che il testo sia sottolineato.
  • Barrato
    Selezionare questa opzione se si desidera che il testo venga visualizzato barrato.
  • Con linea sopra
    Selezionare questa opzione se si desidera che sopra il testo venga visualizzata una linea.
  • Colore primo piano
    Per selezionare il colore di primo piano per l'elemento di testo, fare clic sul pulsante Sfoglia alla destra della proprietà Colore primo piano. Quindi, selezionare il colore dalla tavolozza dei colori e fare clic su OK.
  • Colore sfondo
    Per selezionare il colore di sfondo per l'elemento di testo, fare clic sul pulsante Sfoglia alla destra della proprietà Colore sfondo. Quindi, selezionare il colore dalla tavolozza dei colori e fare clic su OK.
  • Trasparente
    Selezionare questa opzione se si desidera che lo sfondo dell'elemento di stile sia trasparente.
Un esempio dell'elemento di stile viene visualizzato nell'area di anteprima nella parte inferiore della finestra di dialogo.
Per impostare la posizione dell'elemento di stile, fare clic sulla scheda Posizione. La scheda Posizione contiene i controlli seguenti:
  • Posizione
    Dall'elenco a discesa, selezionare una delle posizioni per l'elemento. La proprietà Posizione inserisce un elemento in una posizione statica, assoluta o relativa. Se si seleziona un valore statico, l'elemento viene inserito in base al flusso normale. Se si seleziona un valore assoluto, l'elemento viene inserito in un punto qualsiasi della pagina. Se si seleziona un valore relativo, l'elemento viene spostato nella posizione normale.
  • Sinistra
    Immettere nella casella di testo un valore per il margine sinistro dell'elemento. Selezionare una dimensione dall'elenco a discesa. Questa proprietà è disattivata quando la posizione selezionata è statica.
  • In alto
    Immettere nella casella di testo un valore per il margine superiore dell'elemento. Selezionare una dimensione dall'elenco a discesa. Questa proprietà è disattivata quando la posizione selezionata è statica.
  • Larghezza
    Immettere nella casella di testo un valore per la larghezza dell'elemento. Selezionare una dimensione dall'elenco a discesa.
  • Altezza
    Immettere nella casella di testo un valore per l'altezza dell'elemento. Selezionare una dimensione dall'elenco a discesa.
  • Ordine Z
    Immettere nella casella di testo un valore per l'ordine di stack dell'elemento. Un elemento con un ordine di stack maggiore è sempre davanti a un elemento con un ordine di stack inferiore. Il controllo Ordine Z è valido solo per gli elementi con una posizione assoluta.
Gli elementi possono avere ordini di stack negativi.
Fare clic sulla scheda Altro per impostare alcune delle proprietà specifiche dell'elemento. La scheda Altro contiene i controlli seguenti:
  • Visibilità
    Selezionare il tipo di visibilità per l'elemento dall'elenco a discesa. La proprietà Visibilità imposta la modalità di visualizzazione del contenuto di un elemento se supera l'area ad esso destinata.
  • Overflow
    Selezionare il tipo di overflow per l'elemento dall'elenco a discesa. La proprietà Overflow determina in che modo deve essere trattato un elemento che supera l'area ad esso destinata.
  • Visualizza
    Selezionare dall'elenco a discesa il tipo di visualizzazione per l'elemento. Imposta in che modo visualizzare un elemento.
  • Cursore
    Selezionare dall'elenco a discesa il tipo di cursore per l'elemento. La proprietà Cursore specifica il tipo di cursore da visualizzare quando si passa il mouse su un elemento.
  • OK
    Fare clic per chiudere la finestra di dialogo e salvare i cambiamenti.
  • Annullare
    Fare clic per chiudere la finestra di dialogo Progettazione stile.
Modifica dell'anteprima al passaggio del mouse di un modulo
Le anteprime al passaggio del mouse consentono di visualizzare i dettagli principali del modulo in Issue senza dover fare clic su un collegamento o aprire una nuova pagina Web. L'anteprima al passaggio del mouse viene visualizzata quando si posizione il cursore su un collegamento di un elenco o di un modulo dettagli per un determinato periodo di tempo. Se il mouse viene spostato dal collegamento prima dell'intervallo di tempo specificato, l'anteprima non verrà visualizzata. Le anteprime vengono visualizzate per impostazione predefinita in tutti i moduli di elenco o di dettaglio in modalità di sola lettura.
È possibile creare anteprime al passaggio del mouse per moduli che non dispongono del modulo preview_ come impostazione predefinita. È inoltre possibile creare anteprime al passaggio del mouse per moduli personalizzati creati nell'ambiente di CA SDM.
Sono disponibili i seguenti moduli predefiniti di anteprima al passaggio del mouse:
  • preview_chg.htmpl (Ordine di cambiamento)
  • preview_cnt.htmpl (Contatto)
  • preview_cr.htmpl (Richiesta)
  • preview_in.htmpl (Incidente)
  • preview_iss.htmpl (Issue)
  • preview_KD.htmpl (Documento della conoscenza)
  • preview_nr.htmpl (Elemento della configurazione)
  • preview_pr.htmpl (Problema)
Attenersi alla seguente procedura:
  1. Aprire uno dei moduli seguenti per la personalizzazione:
    • Aprire un modulo esistente che per impostazione predefinita non contiene il prefisso preview_. Esempio: detail_loc.htmpl
    • Aprire un modulo di anteprima al passaggio del mouse esistente. Ad esempio, preview_chg.htmpl.
  2. Modificare il modulo. Ad esempio, aggiungere o rimuovere controlli personalizzati dal modulo.
  3. Fare clic su File, Salva con nome e specificare un nome file utilizzando il prefisso preview_, quindi fare clic su Salva. Ad esempio, immettere preview_loc.htmpl.
    Il modulo di anteprima al passaggio del mouse è stato creato e modificato.
Modifica dell'elenco griglia di dati nel modulo elenco
Gli elenchi delle griglie di dati consentono di visualizzare i contenuti di una pagina di prodotto in un modulo elenco senza dover aprire una nuova pagina. Questo controllo consente di elencare gli elementi della fonte dei dati in una tabella in modo da poterli selezionare, ordinare ed estrarre i dati corrispondenti. Ad esempio, l'opzioni per espandere e comprimere nel modulo Elenco Incidenti.
Attenersi alla procedura seguente:
  1. Aprire un modulo elenco.
  2. Individuare l'area blu situata dopo i campi etichettati al termine del modulo nella modalità Progettazione. Se si preferisce la modalità Fonte, la grigli dei dati verrà visualizzata tra le seguenti linee di codice:
    <PDM_MACRO name=lsStart> <PDM_MACRO name=lsEnd>
    Il seguente esempio mostra la griglia dei dati in modalità Progettazione:
2173363.PNG
Il segno di addizione nell'area della griglia dei dati rappresenta l'inizio della sezione di espansione della riga (ovvero i campi visualizzati solo quando l'utente fa clic sul segno di addizione nella riga della griglia del modulo di elenco). Il seguente codice genera la visualizzazione del segno di addizione nella modalità Fonte:
<PDM_MACRO name=lsCol attr=open_date label="Open Date" sort="DESC" startrow=yes>
Il parametro
startrow=yes
indica l'inizio di una riga e l'inizio della sezione di espansione della riga.
  • Selezionare e trascinare le colonne per spostarle in un elenco. È possibile spostare le colonne tra la parte principale della riga e la sezione di espansione. Non è possibile spostare un controllo esistente oltre l'area della griglia.
  • Per inserire una colonna di elenco, fare clic con il pulsante destro del mouse su un controllo o su un punto qualsiasi dello sfondo blu, quindi selezionare Inserisci colonna o Inserisci controllo.
    • Se si seleziona Inserisci colonna, Web Screen Painter inserisce una colonna a sinistra del controllo selezionato.
    • Se si seleziona Inserisci controllo, viene visualizzata la finestra di dialogo Inserisci controllo per l'aggiunta del controllo desiderato al modulo.
  • Selezionare Strumenti, Anteprima per controllare la visualizzazione del modulo per l'utente finale. Sebbene sia simile a una finestra standard di CA SDM e presenti numerosi pulsanti e menu funzionanti, la finestra di anteprima non è una sessione standard e non deve essere utilizzata come tale.
  • Fare clic su File, Salva.
    L'elenco griglia di dati è stato modificato nel modulo elenco.
Modifica dei Notebook nel modulo dettagli
Il controllo delle schede nidificate (Notebook) consente di espandere o comprimere i dettagli principali relativi al modulo corrente. Ad esempio, utilizzare il controllo per personalizzare l'organizzazione delle schede del modulo Dettagli Incidente. Dalla visualizzazione Progettazione è possibile utilizzare il controllo Notebook per aggiungere schede nidificate ad un modulo dettagli che non ne contiene ancora nessuno. Fare doppio clic sul controllo Notebook per modificarlo. Utilizzare il trascinamento per aggiungere, inserire ed eliminare le schede del notebook e per modificare le didascalie. Inoltre, è possibile utilizzare i pulsanti freccia verso l'alto e verso il basso per cambiare la disposizione delle schede cambiando la posizione della scheda correntemente selezionata. La casella di controllo Nuova riga specifica se la scheda selezionata deve iniziare o meno con una riga nuova nell'intestazione del notebook.
Attenersi alla procedura seguente:
  1. Aprire un modulo dettagli.
  2. Individuare l'area blu del modulo nella modalità Progettazione contenente la prima etichetta numerata.
    Se si preferisce la modalità Fonte, l'area del notebook verrà visualizzata tra le seguenti linee di codice:
    <PDM_MACRO name=startNotebook hdr=cng_nb>
    <PDM_MACRO name=endNotebook>
    In CA SDM r12.6, un notebook può contenere schede nidificate. In Web Screen Painter, una scheda di livello superiore (una scheda contenente altre schede) viene denominata gruppo di schede. Web Screen Painter mostra un gruppo di schede sottoforma di barra piena blu che copre l'intera area del notebook, con un'etichetta numerata al centro. Una scheda di livello inferiore (una scheda non contenente altre schede) viene denominata scheda. Tali schede vengono visualizzate in Web Screen Painter come rettangoli con angoli arrotondati.
  3. Fare clic su una scheda per selezionarla. La selezione di una scheda consente di evidenziare e visualizzare un collegamento ai contenuti della scheda stessa (situato nella parte inferiore del notebook).
    L'operazione di trascinamento consente di spostare le schede e i gruppi di schede all'interno di un notebook. Lo spostamento di un gruppo di schede comporta lo spostamento di tutte le schede contenute nel gruppo.
  4. Per inserire una scheda o un gruppo di schede, fare clic con il pulsante destro del mouse su un controllo oppure su un qualsiasi punto dello sfondo blu del notebook, quindi selezionare Inserisci scheda, Inserisci gruppo di schede o Inserisci controllo.
    Se si seleziona Inserisci scheda o Inserisci gruppo di schede, Web Screen Painter inserirà una nuova scheda o un nuovo gruppo di schede a sinistra del controllo selezionato. Se si seleziona Inserisci controllo, viene visualizzata la finestra di dialogo Inserisci controllo per l'aggiunta del controllo desiderato al modulo.
  5. Selezionare Strumenti, Anteprima per controllare la visualizzazione del modulo per l'utente finale. Sebbene sia simile a una finestra standard di CA SDM e presenti numerosi pulsanti e menu funzionanti, la finestra di anteprima non è una sessione standard e non deve essere utilizzata come tale.
    Fare clic su File, Salva.
Modifica dei file HTML e JavaScript
È possibile utilizzare la visualizzazione Fonte di WSP per modificare i moduli HTML e JavaScript. Aprire un file HTML o JavaScript e apportare le modifiche necessarie.
Nota: Per motivi di prestazioni, alcuni file JavaScript di CA SDM sono disponibili in due formati: file singoli (ad esempio window_manager.js) e file di combinazione che raggruppano un determinato numero di file singoli con commenti e spazio in eccesso rimosso (ad esempio std_head.js). WSP modifica sempre i file singoli, mentre non è possibile modificare direttamente una combinazione di file. Quando si pubblicano le modifiche apportate agli script, WSP genera automaticamente il file di combinazione associato, se necessario.
Migrazione dal sistema di test a quello di produzione
Uno degli obiettivi dell'ideazione di WSP era rendere sicure le operazioni di sviluppo e test delle modifiche apportate ai moduli in un database di produzione. Caratteristiche come una struttura di directory destinata esclusivamente a WSP sul server, processi server di WSP dedicati e sessioni di anteprima di sola lettura sono di supporto a questo obiettivo. Tuttavia molti utenti preferiscono sviluppare modifiche personalizzate ai moduli in un sistema di test indipendente e quindi eseguirne la migrazione in un sistema di produzione separato una volta completate:
  1. Copiare i moduli HTMPL di cui eseguire la migrazione dalla sottodirectory appropriata di site/mods/www/htmpl nel sistema di test alla stessa sottodirectory di site/mods/wsp/project nel sistema di produzione.
  2. Copiare i file CSS, JavaScript e HTML di cui eseguire la migrazione dalla sottodirectory appropriata di site/mods/www/wwwroot nel sistema di test alla stessa sottodirectory di site/mods/www/wwwroot/wsp/project nel sistema di produzione.
    Verificare di aver copiato i file e i moduli sui server seguenti del sistema di produzione, a seconda della configurazione di CA SDM:
    • Convenzionale:
      server primario
    • Disponibilità avanzata:
      server in background
Per eseguire le operazioni di copia descritte nei passaggi 1 e 2 precedenti, è possibile usare qualsiasi metodo di copia dei file supportato dal sistema operativo. Gli utenti di Windows devono sostituire con la barra rovesciata (\) la barra (/) nei percorsi delle directory indicati.
Pubblicazione delle modifiche al modulo
Una volta completate le modifiche, è possibile pubblicarle affinché siano disponibili per tutti gli utenti di CA SDM. La pubblicazione aggiorna tutti i server di CA SDM con i moduli nuovi o revisionati.
Attenersi alla procedura seguente:
  1. Selezionare File, Pubblica.
    In caso di modifiche non salvate, WSP ne richiede il salvataggio e mostra una finestra di dialogo di conferma contenente tutte le modifiche di Web Screen Painter in attesa, comprese quelle salvate nelle sessioni precedenti o da altri utenti di Web Screen Painter. Per impostazione predefinita, tutti i cambiamenti vengono selezionati per la pubblicazione. È possibile cambiare la selezione dei cambiamenti da pubblicare facendo clic su di essi.
  2. Una volta completata la selezione,
    fare clic su OK.
  3. (Solo configurazione con disponibilità avanzata) Se il modulo Web non è in esecuzione su un server di CA SDM, viene visualizzato un messaggio di errore con l'elenco dei server di CA SDM su cui non è stato possibile completare la pubblicazione di WSP. Completare le seguenti attività:
    1. Configurare il server di CA SDM (ovvero il server specificato nel messaggio di errore) per apportare le correzioni.
    2. Modificare il file in WSP da aggiungere un carattere di spazio bianco nella macro <PDM_IF 0>, quindi salvarlo.
    3. Tornare al passaggio 1 per pubblicare nuovamente il modulo Web.
      Se non si desidera apportare modifiche alla configurazione, è necessario copiare manualmente la cartella nx_root/site/mods/www dal server in background a tutti gli altri server.
  4. (Solo configurazione con disponibilità avanzata) Se il server in background si arresta in modo anomalo durante la pubblicazione, recuperare le modifiche HTMPL.
  5. (Solo per i moduli di anteprima al passaggio del mouse) Immettere il comando seguente dopo aver pubblicato le modifiche:
    pdm_webcache - H
    La cache Web è aggiornata. WSP rende le modifiche selezionate disponibili a tutti gli utenti attivi su ogni server.
È possibile eliminare solo i moduli modificati in locale. Le richieste di eliminazione di moduli già pubblicati vengono eseguite quando si pubblicano i cambiamenti. Per annullare una richiesta di eliminazione in sospeso, selezionare File, Annulla eliminazione modulo. In seguito alla pubblicazione è possibile annullare le modifiche apportate a un modulo.
Recupero delle modifiche HTMPL
Le modifiche HTMPL vengono recuperate in caso di errore del server in background durante l'attività di pubblicazione.
Si consiglia di non eseguire i passaggi per il recupero direttamente sull'ambiente di produzione. Convalidarli prima nell'ambiente di test o di sviluppo.
Attenersi alla procedura seguente:
  1. Accedere alla directory seguente sul server in background arrestato in modo anomalo:
    $NX_ROOT$/site/mods/www/wwwroot/wsp/project/web
  2. Copiare tutto il contenuto dalla cartella Web.
  3. Accedere al nuovo server in background e incollare tutto il contenuto copiato nella cartella $NX_ROOT$/site/mods/www/wwwroot/wsp/project/web.
  4. Riprendere la pubblicazione delle modifiche sul nuovo server in background.